VENERDÌ 21 APRILE 2017 - ORE 21 e 22
Fabbrica delle Candele

BILLY COWIE

Under flat sky (ore 21)
Art of movement (ore 22)

Under flat sky

performer, coreografia, musiche e testi Billy Cowie
immagini Silke Mansholt

Art of movement

con Simone Schmidt, Aneta Majcher
danzatori Virtuali Yumiko Minami, Tomohiko Kyougoku, Kaori Ito, Jacqueline Mitchell, Shintaro Oue
presentatore Virtuale Kazuko Hohki
direzione artistica Silke Mansholt
costumi Holly Murray
violoncello Wei Tsen Lin
voci Lucie Robson, Cathryn Robson
commissionato da Kyoto Experiment, South East Dance
con il sostegno di Arts Council England, University Of Brighton

Il nuovo progetto realizzato da Billy Cowie per il Museo d’arte Kochi in Giappone arriva a Forlì e immerge lo spettatore in un sogno fatto di atmosfere poetiche di grande eleganza e fascino, grazie alle opere grafiche dell’artista tedesca Silke Mansholt, ormai figura di riferimento per la creazione del paesaggio visivo del video-maker scozzese. Lirico e struggente, l’immaginario elaborato da Cowie rinuncia questa volta alla classica visione in 3D per affidarsi alla danza minimalista di due performer in dialogo con le animazioni dello sfondo che sembrano inglobarle e rigenerarle, come l’onda di un oceano portatore di vita.


Billy Cowie, geniale e raffinato autore di indimenticabili coreografie in 3D, g si misura ora con una nuova sfida che unisce ai danzatori in video due danzatori reali mimetizzati abilmente nella realtà virtuale, indistinguibile dalla dimensione live. Art of movement è un esauriente insieme di brevi frammenti didattici che esplorano una delle 122 tecniche coreografiche inventate e catalogate da Cowie. Le due danzatrici, costrette a muoversi in uno spazio di un mezzo metro quadro, sono immerse nel mondo visivo dell’artista tedesca Silke Mansholt che ha messo a disposizione alcuni suoi disegni e ne ha realizzati altri appositamente per la performance. Ogni sessione è introdotta da un lettore, Kazuko Hohki, che delicatamente e con humor sottrae peso alla bellezza e alla seriosità delle danzatrici. I corpi dei danzatori diventano tele viventi su cui si proietta un mondo raffinato e fantastico che si muove con loro e con le loro ombre.

Prossimi spettacoli